Home Cos’è il Diablo?

Cos’è il Diablo?

by Carlo De Pascalis
Innanzitutto ti ringrazio della tua presenza e colgo l'occasione per presentarmi

Innanzitutto ti ringrazio della tua presenza e colgo l'occasione per presentarmi

Prima di scoprire cos’è il Diablo vorrei farti conoscere anche un po’ la mia storia.
Sono un ottimista a oltranza e mi piace pensare che i sogni vale la pena di viverli da sveglio.
Viaggio zaino in spalla e quando posso in sella alla mia indistruttibile Vespa.
Attualmente ho preso un vecchio Camper con l'intenzione di viverci dentro nei momenti di stallo. 

Tieniti aggiornato

Se hai letto la mia storia avrai senz’altro capito che il Blog è un qualcosa che sta nascendo adesso e si sviluppa con molta calma 😉

Perciò ti invito a seguirmi anche sugli altri canali per restare sempre aggiornato:

Sul profilo Instagram trovi tutte le story e le foto scattate in giro per il mondo

SEGUIMI

La Pagina Facebook è sempre aggiornata con la pubblicazioni di nuovi post

METTI MI PIACE

Iscriviti tramite indirizzo e-mail per non perdere i nuovi articoli

ISCRIVITI

passiamo al sodo ecco a te il mio Diablo

Ti sembra un semplice giocattolo?

Come potrei darti torto…il Diablo è anche questo.

Ma non è solo uno strano yo-yo a forma di clessidra.

Questa clessidra non conosce tempo, accorcia le distanze e fa viaggiare gli occhi sognanti di chi incrocia il suo volo.

Per farti capire fino in fondo la forza del Diablo ti invito a prenderti il tuo tempo e guardare questo video girato in Piazza del Teatro ad Amman (Giordania) durante uno dei miei viaggi

adesso hai capito cos'è il diablo?

Se non riesci a visualizzare il video clicca qui.

Sono sicuro che ora ti è tutto più chiaro.

Il volo del Diablo non conosce confini.

Offre la possibilità di creare un incontro con l’altro in maniera del tutto naturale.

L’età, il colore della pelle, la religione e le differenti culture cedono il passo al linguaggio universale del sorriso.

Il Diablo  fa sognare a occhi aperti me e chi mi sta intorno creando la magia di un viaggio senza fine.

Non mi resta che raccoglierlo da terra e lanciarlo di nuovo in alto, sempre più su, ad accarezzare le nuvole…alla ricerca della prossima avventura.