Home IL DIABLO CONSIGLIA Visto Israele: il passaporto lo timbrano o non lo timbrano?
visto israele

Visto Israele: il passaporto lo timbrano o non lo timbrano?

by Carlo De Pascalis

Israele è una terra per molti versi anomala, data la sua storia recente e passata. Qui ci soffermeremo solo sull’aspetto pratico della questione legata all’entrata e uscita del Paese con relativo visto, niente di più.

Costi e durata

Innanzitutto chiariamo una cosa fondamentale, il visto turistico è gratuito ed ha una durata di 90 giorni! Viene rilasciato dalle unità di frontiera sia che sia arrivi via terra, mare o aerea. Ottimo penserete peccato che c’è una sorpresa! Continuate a leggere!

Visto Israele: niente timbro sul passaporto

Personalmente sono arrivato in Israele dall’aeroporto di Ben Gurion Tel Aviv, la fila per raggiungere i controlli non è stata lunghissima e in una quindicina di minuti ero già di fronte al mio “controllore”.

Premetto che sul mio passaporto è presente un visto turco che non ha pregiudicato di fatto la mia entrata in Paese. Spesso si crede che chi abbia un timbro di un Paese Arabo sul proprio passaporto possa avere problemi a entrare in Israele, ovviamente problemi non ci sono, la perdita economica data da questo limite non sarebbe supportata dal sistema di bilancio israeliano, il quale tiene molto a “cuore” il turista pagante e poco importa se sia stato in Paesi arabi o meno. Rimane vero il fatto che un timbro di un Paese arabo sul proprio passaporto potrebbe far aumentare il numero di domande durante il controllo, nel mio caso appena ho risposto che in Turchia ci sono arrivato in Vespa il mio interlocutore era più interessato al modello della Vespa che ad altro.

Detto ciò passiamo al timbro israeliano vero e proprio di cui si ha tanto timore in previsione di viaggi futuri in territori arabi perché, a differenza del caso precedente, qui il problema è reale: chi ha il timbro d’Israele sul passaporto non viene ammesso in Iran, Libia, Libano, Syria, Yemen, Sudan.

Per ovviare al problema il timbro è stato sostituito da un tagliandino di colore blu con su stampata foto e numero del passaporto, codice numerico, giorno e ora d’entrata. Il tagliandino è da conservare ed esibire insieme al passaporto richiesto dalle autorità competenti fino all’uscita dal Paese, momento in cui viene consegnato un altro tagliandino di colore rosa con stampati gli stessi dati e la data d’uscita del Paese.

Conservateli entrambi, vi verranno richiesti all’uscita del Paese. In caso andiate direttamente in Giordania oppure in Egitto, vi verrà chiesto dalle autorità locali di presentare i tagliandini d’entrata e uscita da Israele, quindi occhio a non perderli!

Regalati un viaggio nel viaggio!

Un viaggio zaino in spalla per le strade del Centro America si trasforma, quasi per caso, in un arma di denuncia in favore delle popolazioni indigene locali.

Sorpresa: la tassa d’uscita

In caso di arrivo e ripartenza in aereo la tassa d’uscita è compresa nel biglietto, in caso contrario per lasciare il Paese via terra dai differenti valichi di frontiera il costo cambia!

Molta gente una volta, in Israele, decide di approfittare delle brevi distanze e magari fare un giro in Giordania, la vicinanza e le bellezze naturali stuzzicano l’appetito del viaggiatore, quindi è bene fare un po’ di conti per non avere spiacevoli sorprese:

  • Dal Ponte di Allenby la tassa d’uscita attualmente è di 182 shekel (47 euro), assicuratevi di avere il visto giordano o il jordan pass altrimenti l’accesso in Giordania vi sarà negato. Aperto dalla domenica al giovedì dalle 8 alle 20 per gli arrivi e dalle 8 alle 14 per le partenze; venerdì e sabato dalle 8 alle 13. Questa è una frontiera commerciale non rilascia visti all’ingresso
  • Dal confine al Nord Sheikh Hussein tassa d’uscita 108 shekel (28 euro). Aperto 24/24 tutti i giorni.
  • Dal confine Sud Wadi Araba tassa 102 shekel (26 euro). Aperto dalla domenica al giovedì, dalle 6.30 alle 20, venerdì e sabato dalle 8 alle 20.

O magari si vuole visitare l’Egitto! Quindi passare dall’unico valico di frontiera è Taba a sud di Eliat, la tassa d’uscita si aggira sui 220 shekel (57 euro).

La tassa d’uscita può essere pagata sia in contanti che con carta di credito/debito.

Attenzione perché i prezzi possono variare essendo una tassa la probabilità è che aumenti! Difficilmente le tasse diminuiscono!

In caso di dubbi consultare il sito www.viaggiaresicuri.it

Hai già fatto l’assicurazione viaggio?

Parti in sicurezza stipulando una assicurazione completa con Heymondo. Utilizzando questo link potrai ottenere immediatamente uno sconto del 10% su tutte le formule assicurative applicate!

Una guida che potrebbe tornare utile durante il vostro viaggio per avere le idee più chiare su cosa visitare ed ottimizzare i tempi potrebbe essere quella della Lonely Planet dedicata a questa terra.


Se hai trovato l’articolo interessante e hai voglia di sostenere il mio blog dai un occhiata alla sezione dedicata

SCOPRI DI PIÙ


You may also like